Home page Parlare può salvare

Mappa del sito e numeri di emergenza

Navigazione principale

Siete qui

Contenuto principale

Sono preoccupato per qualcuno. È importante sapere che ...

I pensieri suicidi sono una reazione frequente a situazioni di stress particolarmente forte

Avere pensieri suicidi è una reazione normale e purtroppo non così rara per chiunque si trovi ad affrontare gravi e prolungate sofferenze o attraversi profonde crisi interiori. Per fare un paragone, potremmo affermare che i suicidi stanno a una grave sofferenza psichica come la febbre sta alla polmonite. In entrambi i casi è importante prendere sul serio i sintomi e trovare una soluzione alle possibili cause. (Approfondite l’argomento leggendo come si manifestano i pensieri suicidi.)

Non vanno mai sottovalutati i segnali d’allarme

Non è assolutamente vero che chi parla di suicidio non arrivi poi a compiere realmente l’estremo gesto. Quando si sospetta che una persona possa avere intenzioni suicide, è bene fidarsi del proprio istinto: il desiderio di morire non scaturisce quasi mai dal nulla. Esiste tutta una serie di segnali d’allarme dai quali è possibile intuire che una persona stia pensando al suicidio. Scoprite quali sono i segnali d’allarme da prendere sul serio.

Anche voi potete essere di aiuto: parlarne è il primo e più importante passo da compiere

È importante invitare le persone ad affrontare il tema «suicidio». È sbagliato ritenere che se parliamo con qualcuno dell’argomento lo portiamo poi a togliersi la vita. Al contrario: esternalizzare i propri pensieri suicidi può alleggerire il peso delle nostre sofferenze. Molti di coloro che ci sono passati affermano che, dopo essersi confidati con qualcuno, i loro pensieri suicidi sono diventati meno insistenti e che hanno riacquisito un po’ più di speranza. Diverse persone sopravvissute a tentativi di suicidio riferiscono che mancava loro qualcuno che «semplicemente le stesse ad ascoltare». Prestare ascolto non è però così semplice. Approcciate la persona che ha bisogno di sfogarsi con l’atteggiamento di chi desidera capire cosa pensa e ponete domande pertinenti. Rimanete calmi anche se le parole che sentite vi turbano. Evitate di fare pressioni sul piano morale (ad es. con frasi come «Pensa alla tua famiglia!») o di proporre soluzioni affrettate («Devi smetterla...»). Per conoscere gli aspetti di cui tenere conto e cosa è bene dire, leggete i consigli su come affrontare l’argomento.

Tenete presente che già solo prestando ascolto e mostrando la propria disponibilità a parlare delle intenzioni suicide senza dare giudizi di valore e moralistici, aiutate chi vi sta di fronte a sentirsi più sollevato. Se le vostre forze ve lo consentono e il rapporto con l’altra persona è sufficientemente confidenziale, potete fare anche qualche passo in più per poter essere d’aiuto. Leggete qui qualche informazione in più su come poter dare una mano.

In caso di emergenza: non lasciate solo chi è in crisi e organizzate gli aiuti

Vi trovate di fronte a un’emergenza quando temete che qualcuno possa compiere concretamente l’estremo gesto nell’arco di qualche ora. In questo caso dovreste evitare di lasciare sola la persona in questione e andare alla ricerca di supporto e di un aiuto professionale. Qui trovate indirizzi utili e indicazioni concrete su come intervenire in caso di emergenza.

Accettare i propri limiti e, se necessario, andare alla ricerca di aiuto

Assistere qualcuno durante una crisi suicidaria è estremamente complesso. È importante riconoscere e accettare i propri limiti. È altrettanto essenziale sapere che nessuno può assumersi la responsabilità di risolvere i problemi degli altri o addirittura di gestire la loro vita. È compito delle persone stesse. Voi potete offrire sostegno in qualità di amici o familiari. Potete rivolgervi a specialisti per farvi consigliare sul modo migliore di aiutare qualcuno.

Non di rado anche chi presta aiuto va in crisi. Se notate che vi sta accadendo, dovete cercare subito aiuto anche voi. Infatti, potete dare una mano agli altri solo se voi stessi state bene. Qui trovate maggiori informazioni su come essere di aiuto a voi stessi.

Leggete anche

Su